2021/01/07

COME IL POSIZIONAMENTO DEL MICROFONO INFLUISCE SUL SUONO DELLA VOCE

speech-website-edit.jpg
Quando si ascolta l’amplificazione o la registrazione della voce umana, la comprensione di ciò che viene detto o cantato, dipende da diversi fattori, come la qualità della registrazione, dei microfoni, il sistema di riproduzione, l'acustica della stanza, il rumore di fondo e molto altro ancora.

Le conseguenze del posizionamento del microfono

Come accennato in precedenza, Il suono della voce varia molto in base alla posizione dell’ascoltatore o del microfono utilizzato per la ripresa.
 
In questo esperimento, usiamo un microfono posizionato a un metro di distanza, di fronte a una persona che parla. Il suono della voce in questa posizione è percepito come un normale suono vocale. Questo è il nostro suono di riferimento. Quindi posizioniamo diversi microfoni miniaturizzati (omni) identici intorno alla persona che parla e analizziamo la differenza tra il microfono di riferimento, a un metro di distanza, e il microfono sulla fronte, sopra l'orecchio, sul petto, ecc. L'esperimento viene condotto in una camera anecoica senza riverbero o riflessioni dall'ambiente circostante, per concentrarsi sulle differenze di posizionamento.
 
La differenza tonale tra il microfono di riferimento (a un metro di distanza) e il microfono sul corpo, è mostrata nei grafici.
 
 1-MicPlacement-forehead-1170x660-(1).jpg

SULLA FRONTE
La posizione sulla fronte è molto simile al riferimento, ciò significa che il timbro è quasi identico alla voce che normalmente sentiamo da questa persona. Notiamo un leggero picco intorno a 800 Hz ed una attenuazione poco sopra circa 1500 Hz ma nel complesso una risposta in frequenza simile. Le consonanti sono preservate.

2-MicPlacement-ear-1170x660-(1).jpg 
ORECCHIO
Il posizionamento sopra l'orecchio, che è ovviamente dietro la bocca, degrada le frequenze più alte della voce. Vediamo ancora il picco intorno agli 800 Hz ma la gamma da 1 kHz in su è molto attenuata, ciò significa che la maggior parte delle consonanti fondamentali viene persa.
 3-MicPlacement-headset-1170x660-(1).jpg

HEADSET
Posizionato all'angolo del tuo sorriso, un microfono headset non pregiudica l'intelligibilità come la posizione sull'orecchio. L'intervallo tra 1 e 2 kHz è leggermente migliore. Le consonanti in questa gamma di frequenze suonano più naturali e quindi l'intelligibilità è molto migliore. L’audio da questa posizione è leggermente diversa rispetto alla sorgente sonora di riferimento perché attenua alcune delle frequenze più alte. Non è ottimale come la posizione sulla fronte.

5-MicPlacement-chest-1170x660-(1).jpg

4-MicPlacement-neck-1170x660-(1).jpg

PETTO E COLLO
Queste posizioni, inclusa la posizione di montaggio sulla cravatta, sono le peggiori e sono critiche per l'intelligibilità del parlato. Poiché il microfono è posizionato sotto e dietro la sorgente sonora, tutte le frequenze più alte scompaiono. La posizione peggiore è sotto il mento e sul collo, perché è la più lontana e dietro la bocca. La sfida più grande per entrambe le posizioni è recuparare la gamma tra 2-4 kHz che viene praticamente rimossa dallo spettro sonoro, il che si traduce in una scarsa intelligibilità del parlato.
 

In conclusione, quando posizioni il microfono sotto o dietro la bocca, è necessario compensare il posizionamento con EQ. In caso contrario l’intellegibilità del parlato sarà compromessa. Ma dal momento in cui tutto ciò che ripreso dal microfono sarà equalizzato, la soluzione migliore per catturare una voce naturale è utilizzare un microfono posizionato sulla fronte. Questo suono richiederebbe un minimo di lavoro in post-produzione.

 

Contenuto relativo

Inizia a migliorare l’intelligibilità del parlato Parte 1

SCOPRI DI PIÙ

Loading